Ultime notizie
0

Auguri Laura e Giovanni!

IMG_5251
Il 20 settembre Laura e Giovanni si sono sposati!
Due cooperanti speciali, che hanno deciso di dare un contributo importante a Tulime proprio in occasione del loro matrimonio, omaggiando i propri ospiti con piccole pergamene “firmate” Tulime Onlus al posto delle classiche bomboniere. In questo modo hanno dato il loro sostegno al progetto Bee Together e Distretto frutticolo.
Cari Lara e Giovanni, vi auguriamo di realizzare tutti i vostri sogni e che serenità, felicità e complicità vi siano compagni per tutta la vita.
Nel ricordo del vostro giorno più bello, Asante sana (“GRAZIE”) e un safari njema (“buon viaggio”) di tutto cuore da Tulime onlus!

0

Ufficio Progettazione: un nuovo responsabile, Giulia Raciti

10151785_10200811470927408_3933499155666551113_n
C’è un nuovo volto nell’ufficio di Progettazione di Tulime Onlus: è Giulia Raciti.
Palermitana di origine e laureata alla Magistrale in Cooperazione e Sviluppo nel 2013, conosciamo già Giulia per le sue bellissime riflessioni che nel corso dello scorso anno abbiamo letto sul nostro blog http://noicoltiviamo.wordpress.com/ riguardanti la sua esperienza in Tanzania con Tulime in occasione del Servizio Volontario Europeo. Per sei mesi, insieme agli altri cooperanti, Giulia aveva messo a disposizione le sue conoscenze seguendo il Progetto Albini, Mani d’Africa e diverse attività sulla prevenzione dell’Hiv.
Ad oggi, è Coordinatrice del Gruppo che si occupa dello studio di nuovi bandi, di analisi di contesto, della progettazione di nuovi interventi ed attività di cooperazione internazionale e nel territorio, oltre che della progettazione nell’ambito del Programma Erasmus Plus.
Giulia è inoltre coordinatrice dei volontari in Servizio Volontario Europeo a Palermo, con i quali organizza eventi di found raising e attività sul territorio.
In bocca al lupo!

0

Settembre: si torna a scuola con un nuovo progetto! – “Nuove finestre sul mondo– Cooperazione allo sviluppo e immigrazione”

Engim_piemonte
Sono terminate le vacanze e siamo pronti a ricominciare un anno di attività insieme alle scuole all’insegna del Progetto Scuola e dei suoi percorsi didattici.
Quest’anno il Progetto Scuola si amplia con Nuove finestre sul mondo – Cooperazione allo sviluppo e immigrazione, un nuovo itinerario didattico rivolto alle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, le Scuole Europee di Varese e di Bruxelles 1.
Nuove finestre sul mondo – Cooperazione allo sviluppo e immigrazione, in partenza ad ottobre 2014, avrà la durata di dodici mesi e vede come proponente l’Ente Nazionale dei Giuseppini del Murialdo- ENGIM, coinvolgendo una rete di partner pubblici e privati e garantendo la realizzazione di un intervento qualificato su tutto il territorio nazionale. Di questa rete fa parte Tulime Onlus che, come partner, gestirà direttamente gli interventi nelle scuole in Sicilia, Puglia, Sardegna, Lazio, Piemonte.

Il progetto vuol favorire il dialogo interculturale e la convivenza solidale tra cittadini del mondo attraverso una maggiore consapevolezza dei problemi del sottosviluppo e delle cause dei flussi migratori. In particolare, contribuire alla sensibilizzazione e all’educazione dei giovani sulle tematiche legate alla cooperazione allo sviluppo e alla condizione dell’immigrato e rifugiato, attraverso percorsi didattici volti a una corretta informazione e al superamento di pregiudizi.

Tramite un approccio fortemente partecipativo, si inviteranno docenti e studenti ad interrogarsi principalmente sull’esperienza umana di un immigrato o rifugiato riuscito a superare una condizione di povertà e di conflitti interni nel proprio paese e l’attività condotta dalla cooperazione italiana in quello stesso paese per aiutarlo a migliorare la sua situazione.

Le scuole interessate a partecipare potranno farne richiesta inviando una mail all’indirizzo:info@tulime.org

Per eventuali ulteriori informazioni rivolgersi a: Veronica Schiera (veronica.schiera@gmail.com)

0

Nuovi finanziamenti dalla Chiesa Valdese


Anche quest’anno la Chiesa Valdese (Unione delle chiese metodiste e valdesi) ha deciso di sostenere Tulime Onlus finanziando due progetti.
- Progetto “No more Discrimination against Albinos (fase 3)”
- Progetto “Miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie della popolazione del villaggio di Kitowo (distretto di Kilolo, regione di Iringa, Tanzania), tramite l’accesso e fruibilità dell’acqua potabile”.

Entrambi i progetti vedono beneficiari le comunità dell’altopiano tanzaniano, in particolare il villaggio di Kitowo e tutto il suo distretto.

Grazie al progetto No more Discrimination against Albinos, attivo dal 2012, sono già stati raccolti e si stanno distribuendo numerosi occhiali da sole, cappelli e creme solari a chi è affetto dalla patologia dell’albinismo. A fronte dell’impegno e alla passione dei volontari e dei ragazzi del Servizio Volontario Europeo, si è riusciti a dare il nostro supporto a parte della popolazione albina del distretto di Kilolo e alle loro famiglie, promuovendo la loro integrazione nella comunità, facilitando l’accesso all’assistenza medica e favorendo la conoscenza circa la condizione degli albini in Tanzania, sia in loco che in Italia.
Con questo finanziamento ci auguriamo di proseguire il nostro operato, estendendo le nostre cure su un territorio ancora più vasto e attivando una capillare campagna di sensibilizzazione presso numerose scuole del Distretto di Kilolo

Il secondo è un progetto nuovo. Finanziato al 90% dalla Chiesa Valdese e per il rimanente 10% da Tulime, la costruzione del pozzo è prevista a partire gennaio 2015 ad opera degli stessi abitanti del villaggio di Kitowo con il supporto tecnico e la supervisione di Tulime Onlus in partnership con l’associazione locale MAWAKI.
In Tanzania, molte zone rurali rimangono escluse dall’accesso all’acqua e laddove è presente un sistema idrico, non sempre l’erogazione è garantita e continuativa: la popolazione è così costretta ad attingere a pozzi lontani chilometri o ad acquistare a caro prezzo sacche o taniche di acqua. La mancanza di acqua pulita, inoltre, costituisce una delle più comuni cause di morte per gli abitanti dei villaggi.
Obiettivo del progetto è, quindi, quello di far fronte all’emergenza acqua riscontrata del villaggio di Kitowo, al fine di garantire la costante fornitura di acqua pulita ed accessibile, così che donne e bambini possano dedicare il loro tempo alla cura della famiglia e all’istruzione, invece di trascorrere gran parte della giornata alla ricerca di acqua.

Con energia e passione, affrontiamo queste due nuove sfide!

Altre info: http://www.ottopermillevaldese.org/

0

Inaugurata la sala operatoria a Kilolo in Tanzania

Il 24 luglio nell’ospedale di Kilolo, sugli altopiani della Tanzania meridionale, è stata inaugurata una sala operatoria realizzata grazie al finanziamento di Maria Luisa e Zina Picciuca, in collaborazione con […]

Sala operatoria 2
Il 24 luglio nell’ospedale di Kilolo, sugli altopiani della Tanzania meridionale, è stata inaugurata una sala operatoria realizzata grazie al finanziamento di Maria Luisa e Zina Picciuca, in collaborazione con noi e l’associazione partner Mawaki.
La cerimonia di inaugurazione ha visto protagonisti oltre alle autorità locali, i nostri volontari di e l’associazione Mawaki insieme a tutta la comunità locale: è stata l’occasione per ricordare Giovanna Sausa: “Nella vita terrena si è sempre resa disponibile nei confronti di chi aveva bisogno soprattutto dei più sofferenti, insegnandoci il grande valore della solidarietà umana” ricordano le figlie. Cinque anni fa, a Palermo, Giovanna attraversava una strada dove il limite di velocità consentito è di 50km orari e viene investita da un’automobile che viaggiava a circa 150 km orari.
“La nostra scelta di finanziare un servizio a favore della vita umana è stata determinata dal bisogno di dare un senso alla sua tragica e assurda morte e dalla convinzione che in questo modo lei continuerà a vivere ed a servire gli altri così come durante la sua esistenza”: sono le parole delle figlie Maria Luisa e Zina che ancora adesso combattono e scrivono alle autorità italiane per cambiare la legge sull’omicidio stradale e che hanno deciso di devolvere l’intera somma dell’assicurazione ad organizzazioni no profit per realizzare opere utili a favore di comunità svantaggiate.
Tra i beneficiari di questa somma proprio Tulime Onlus che, con il partner locale in Tanzania, Mawaki, ha deciso di costruire una sala operatoria accanto all’ospedale di Kilolo.
Oggi in Tanzania, come in tutto il resto dell’Africa Sub Sahariana, le condizioni igienico sanitarie e le strutture mediche esistenti non sono ancora assolutamente sufficienti né efficienti rispetto alle richieste e alle necessità della popolazione. Le condizioni in cui i medici svolgono il loro lavoro sono molto spesso precarie e le distanze da percorrere per raggiungere i primi dispensari o ospedali più vicini sono notevoli considerando soprattutto l’inaccessibilità delle strade durante la stagione delle piogge.
La sala operatoria garantisce un significativo potenziamento del servizio sanitario nel territorio di Kilolo, in supporto ai dispensari e all’ospedale esistente. Un grande traguardo raggiunto dopo un cammino durato quasi cinque anni, un punto di partenza per un servizio sempre piu’ efficiente che ha visto la collaborazione attiva di tutta la comunità che ha compreso e condiviso lo spirito con il quale sono iniziati i lavori di costruzione della sala operatoria. L’edificio, costruito nel rispetto delle tecnologie e con i materiali tradizionali, costituisce un presidio importante per tutte le comunità dell’altopiano e per i medici che potranno operare in un luogo confortevole e sicuro.
Per sapere di più riguardo alle fasi costruttive nel corso degli anni, leggi anche:

http://www.tulime.org/2013/08/07/kilolo-la-costruzione-della-sala-operatoria-aggiornamento/

http://www.tulime.org/2011/10/13/sala-operatoria/

Sala operatoria 1

0

TULIME: coltivare dialogo, divenire scambio – La cooperazione di comunità come ricerca di uno spazio condiviso di crescita

E’ questo il titolo dell’articolo pubblicato su La Quarta Stanza, rivista culturale nata con l’intento di promuovere le attività del pugliese Laboratorio Collettivo (http://laboratoriocollettivo.weebly.com/) , ma anche per dare voce […]

La Quarta Stanza n°14 pdf-1
E’ questo il titolo dell’articolo pubblicato su La Quarta Stanza, rivista culturale nata con l’intento di promuovere le attività del pugliese Laboratorio Collettivo (http://laboratoriocollettivo.weebly.com/) , ma anche per dare voce a diverse realtà artistiche, cuturali, noprofit, …
Per l’ultimo numero la rivista ha deciso di dedicare un articolo proprio a Tulime Onlus, alla sua storia, alle sue attività e soprattutto ai principi e le modalità che ne regolano il suo operato.
Dietro al nome Tulime Onlus si celano significati profondi, si richiamano racconti di viaggio, esperienze di vita, si intrecciano i valori e gli obbiettivi delle sue attività, sogni, ricordi e nuovi propositi.

“Tulime” vuol dire “coltiviamo!”, coltivare vuol dire pazientare e nutrire speranze per gli altri, per noi stessi. Le nostre speranze si basano sul potere offrire un aiuto concreto e sostenibile nel tempo, un aiuto che sia a vantaggio di uno sviluppo comunitario e che diventi strumento delle comunità stesse, in un’ottica di vero auto-sviluppo. La nostra speranza non è solo la crescita degli altri ma, prima di tutto, la nostra di crescita.
[...] “Tulime” ci riporta ad una serie di significati legati al lavoro paziente nei campi, agli sforzi che esso richiede, al tempo e all’attenzione che merita: significa coltivare la speranza dell’incontro e di una comprensione reciproca che trasformi le diversità in basi solide di sostegno reciproco. È la speranza nel cambiamento, nella creazione di un mondo più giusto e più equo, che possa godere di una visione più solidale, ecologica, di apertura all’altro. È a questo che mira l’impegno dei tanti volontari, uomini tra e per gli uomini, donne tra e per le donne, che non smettono di credere che si possa contrastare il dilagante scoraggiamento con un ottimismo che si basi su una comprensione vera, un aiuto ragionato, concreto, rispettoso nei tempi e nelle modalità. [...]
da La Quarta Stanza, n.14.
Noi di Tulime cogliamo l’occasione per ringraziare La Quarta Stanza (https://www.facebook.com/CollettivoLaQuartaStanza?fref=ts) per la sua collaborazione e per averci dato la possibilità di essere presenti all’interno del nuovo numero! Un grazie anche a tutti coloro che hanno partecipato alla stesura e alla pubblicazione dell’articolo ed alla sua buona riuscita!
Non vi resta che leggere l’articolo!

http://www.youblisher.com/p/934388-La-Quarta-Stanza-n-14/

0

Approvato il nuovo progetto Sve promosso da Tulime Onlus, dal titolo “Social Environment & Natural Environment … an European comparison”: iniziano le selezioni dei volontari

youth_in_action
Il nostro nuovo progetto SVE si intitola ” Social Environment & Natural Environment … an European comparison “.
Tulime Onlus ospiterà nella sua sede di Palermo 4 volontari di diverse nazionalità: Spagna, Ungheria, Turchia e Germania, per un periodo di nove mesi (Novembre 2014- Luglio 2015). I ragazzi affiancheranno il coordinamento nazionale e il fundraising, organizzando eventi e partecipando alla vita e alle attività di Tulime Onlus, tramite laboratori ed attività diverse volte a promuovere i valori della diversità e della cooperazione, della cultura dell’accoglienza e della solidarietà, di uno stile di vita salutare, dei valori dell’ecologia, della cittadinanza attiva, del confronto interculturale.
Guidati da tutors esperti, conosceranno la città di Palermo e molti aspetti legati alla cooperazione di comunità e all’ambiente naturale della Sicilia, tramite anche collaborazioni con alcuni operatori del settore Educazione Ambientale e workshop di formazione.

Scopri tutti i dettagli nel bando:
Bando-it (326 download )
Call-en (275 download )

0

Un incontro a Trieste parlando di Tulime Onlus e dei progetti di tesi e tirocinio


Il 4 giugno 2014 a Trieste, Fulvio e Linda hanno tenuto a Trieste un seminario presso la Facoltà di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell’Interpretazione e della Traduzione (IUSLIT): nello specifico hanno incontrato gli studenti della laurea specialistica di cooperazione internazionale.

Nella medesima giornata, è stato formalizzato il protocollo di scambio tra Tulime Organization e la IUSLIT, che consentirà agli studenti di quest’ultima di poter svolgere tirocini e tesi in Tanzania: il primo tirocinante di questo ateneo, Alessandro Dario Greco, partirà il 13 Agosto 2014 al fine di svolgere una tesi di laurea sui Crediti di Carbonio che possono essere generati dai campi forestali di Tulime sull’altopiano di Iringa.

Oggetto del seminario sono state in generale le attività internazionali di Tulime Onlus: sono stati descritti un po tutti i progetti di Tulime (che si svolgono in Africa e in Asia), entrando nello specifico in due dei più impegnativi: Distretto Frutticolo e Mani d’Africa. Al seminario hanno partecipato, oltre Alessandro, circa 15 ragazzi dei circa 50 dell’intera laurea specialistica. Al termine del seminario, Fulvio e Linda hanno risposto alle domande dei ragazzi.

0

L’hockey sbarca all’università di Dar Es Salaam!


Sabato 24 maggio è stato una giornata all’insegna del divertimento e dello sport a Dar Es Saalam. E’ stato organizzato, infatti, un triangolare tra la squadra maschile della Scuola Secondaria di Makongo, la squadra maschile dell’Università e la squadra femminile per inaugurare il campo da hockey dell’università. Il torneo è stato vinto dalla neonata squadra maschile dell’Università e ha visto la partecipazione e l’entusiasmo di molti, anche nuovi giocatori e giocatrici.

In questi ultimi due mesi e mezzo, 13 nuove ragazze sono entrate a far parte della squadra femminile che si allena a Magereza (vicino alle prigioni a Dar es Saalam); alcune ragazze della squadra dell’anno scorso stanno continuando a giocare anche tra impegni famigliari e di lavoro, una squadra maschile è nata nella scuola secondaria di Makongo e all’incirca 30 studenti universitari si stanno entusiasmando all’hockey.

Leggi tutto l’articolo su: http://hockeytanzania.wordpress.com/2014/05/

I propositi per giugno sono: fabbricazione di uno stock di bastoni con legno locale da parte dei carcerati della prigione di Dar Es Salaam (Magereza in swahili vuol dir prigione) che verranno utilizzati per insegnare hockey ai bambini dagli 8 agli 11 anni di 3 scuole primarie della zona di Magereza, attorno alle prigioni … e ovviamente continuare a giocare!
Proprio per sostenere la produzione di bastoni locali e l’insegnamento nelle scuole è uscita una campagna di raccolta fondi, tramite l’acquisto di un kit “bastone+pallina+allenatore”. Puoi trovare tutte le informazioni su http://hockeytanzania.wordpress.com/donate/
Noi di Tulime continuiamo a sostenere Valentina e il progetto Hockey!

0

Tutti a teatro ad Avigliana!


L’appuntamento è per lunedì 9 giugno 2014 ore 21.00. IL CIELO TROPPO GRANDE – spettacolo teatrale a cura degli allievi dell’Istituto ITC Galileo Galilei – Teatro Eugenio Fassino. Una storia sulle ruote della fantasia con musiche dal vivo e la regia di Giacomo Pierantozzi.
Tutti gli spettatori all’ingresso del teatro troveranno un salvadanaio per un’offerta libera da devolvere alla nostra associazione a sostegno del progetto “Albini” e progetto “Baiskeli”.L’Istituto dell’ITCG Galileo Galilei collabora con noi, senza fini di lucro, ormai da anni, supportando con diverse attività alcuni dei nostri progetti in corso.L’anno scorso il laboratorio teatrale del “Galilei” aveva messo in scena Un’altra bellezza. Storia africana di Lucy, una ragazza albina (https://www.youtube.com/watch?v=8fWmOYtr2IE) con grande dedizione e facendoci emozionare.
Non vediamo l’ora di scoprire cosa ci riserva lo spettacolo di quest’anno!

Pagina 5 di 58« Prima...34567...102030...Ultima »